22 Aprile 2019
[]

Interviste

Carisma, assist ed esperienza: alla scoperta di Michelangelo Cecchini

Quattro chiacchiere con ...
12-10-2017 - Intervista a Michelangelo Cecchini
Michelangelo Cecchini, 27 anni, qui in una foto della stagione 2011-2012
Michelangelo, prima di tutto qualche informazione personale: di dove sei e quanti anni hai?
Sono originario di Domegliara, in Valpolicella, e ho 27 anni.

Raccontaci del tuo percorso calcistico: dove ti sei formato e in quali squadre hai giocato?
Ho iniziato a giocare a calcio nella squadra del mio paese, a Domegliara. Poi sono passato nelle giovanili dell´Hellas Verona. Approdato con i "grandi" ho giocato per due anni in promozione, uno all´Ambrosiana e uno a Rivoli.

Un inizio di carriera a 11, dunque. Per quanto riguarda il calcio a 5?
La mia carriera a 5 inizia dopo l´esperienza a Rivoli. La mia prima squadra è stata proprio il Verona, dove ho militato due anni in A2 e uno in A1. In questo periodo ho avuto l´opportunità di crescere molto e togliermi delle belle soddisfazioni, come essere stato convocato in nazionale proprio nell´anno della nostra promozione dall´A2 all´A1. Dopodiché sono andato a Trento in A2 e a Fassina sempre in A2, fino al ritorno qui in gialloblù.

Come capitan Cortese, protagonista della scorsa intervista, sei un "universale". C´è un ruolo in cui preferisci giocare?
Fra tutti quelli che posso ricoprire il ruolo di laterale è quello che mi piace maggiormente.

Il campionato è iniziato benissimo: siete in vetta della classifica a punteggio pieno dopo tre giornate. Fin dove pensi che possiate arrivare?
Abbiamo iniziato bene quest´anno, e non posso che essere molto contento di questo. È anche vero però che il campionato è appena iniziato, e già venerdì prossimo ci attende un´altra sfida tutt´altro che semplice.
Ragionando a medio-lungo termine l´obbiettivo è quello di riuscire a fare un po´ meglio dell´anno scorso. Ad ogni modo, a mio avviso, non dobbiamo avere fretta o essere ossessionati della classifica: guarderemo una partita alla volta e tireremo le somme alla fine.
Per continuare a fare bene penso che saranno fondamentali la compattezza e il gioco di squadra. A parer mio è questo l´unico modo per ottenere risultati.

Come detto, l´avvio della nuova stagione procede a gonfie vele. Dove deve ancora migliorare questo Verona C5?
Il possesso palla e la gestione della partita nei momenti più delicati della gara sono i due aspetti dove probabilmente dobbiamo migliorare di più come squadra.

E a livello personale?
A livello personale mi piacerebbe poter rendere di più sotto l´aspetto della tenuta fisica. L´anno scorso, per esempio, ho saltato la prima parte del campionato per un infortunio. Poter dare il mio contributo in ogni gara è certamente uno dei miei obbiettivi quest´anno.

Se dovessi scegliere, ti piace di più l´assist o il gol?
Segnare è una cosa stupenda, ma dal momento che mi riesce meglio l´assist scelgo questa seconda opzione.

Sensazioni in vista della trasferta a Rossano?
Sarà una partita complicata. Giocare in casa loro non è facile, soprattutto perché sono molto bravi e organizzati. Ci sarà da soffrire, ma è una cosa a cui siamo abituati.


scritto da Francesco Scolaro

Main Partner

Prossimi incontri


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata